Javier Ballesteros, figlio di Seve, vince un torneo in Spagna

  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Severiano Ballesteros morto

Seve ci ha lasciati nel maggio del 2011, ma la sua leggenda è tornata per un weekend a vivere grazie alla bella vittoria del figlio Javier Ballesteros in occasione del torneo amateur dell’Abierto di Madrid, una competizione che l’ha visto imporsi rimontando ben tre colpi nel giro finale. Il 22enne non è e molto probabilmente non ricalcherà le orme del padre non soltanto perché alla sua età Seve già era stato secondo all’Open, ma perché “Per me il golf è solo una passione, sto studiando Legge e come diceva sempre mio papà gioco con le mie qualità“. E così con un giro finale eccellente, costellato da birdie e anche da un eagle, Javier si è preso una vittoria di grande prestigio, che ha fatto sussultare di emozione l’intera Spagna.

Severiano Ballesteros è scomparso lo scorso maggio 2011, dopo un peggioramento così rapido e improvviso che ha lasciato tutto il mondo del Golf senza parole. Se ne è andato uno dei campioni più amati di tutti i tempi, simbolo di genio e fantasia, propulsore per tantissimi degli attuali dominatori dei tour internazionali che si sono innamorati del nostro sport osservando le gesta di Seve. Dopo quattro operazioni e il calvario del tumore al cervello, Severiano Ballesteros si è spento a soli 54 anni, ma la sua leggenda continuerà a splendere.

E’ morto nella notte del 6 maggio 2011 dopo che le condizioni fisiche avevano improvvisamente ceduto lasciandolo in gravi condizioni: Severiano Ballesteros ha patito l’ultima agonia che in poco meno di una settimana ci ha privato del campionissimo spagnolo, idolo anche di Matteo Manassero, oltre che di tantissimi altri professionisti, amateur e semplici appassionati. Campione sul campo e anche fuori, apprezzato e adorato in tutto il mondo per l’eleganza, la correttezza, la simpatia e lo stile, in carriera ha vinto 87 tornei e si era solo recentemente defilato, prima della scoperta della malattia, in seguito a un malore in aeroporto.

Sembrava potesse addirittura ritornare sul campo, ma le speranze hanno lasciato spazio al grande vuoto della scomparsa. La drammaticità del caso ha voluto che Severiano Ballesteros se ne andasse proprio nel weekend dell’Open di Spagna, durante il quale gli è stato reso omaggio nel migliore dei modi. E ora un po’ di lui continua a vivere nel figlio e sui green.

Utente registrato
Login

Ricorda i miei dati

Hai smarrito la tua password?

Nuovo Utente

Registrati nella community di Tshot per accedere a tutti i blog di Nanopress con un unico nickname e avatar.

Registrati

Oppure se sei un utente Facebook

Aggiungi un commento

Ricorda i miei dati

Pubblica commento