“Avevo paura”: Sinner rivelazione improvvisa

Jannik Sinner è il tennista del momento e le ultime dichiarazioni fanno riflettere su un aspetto davvero incredibile: una rivelazione per tutti.

Il giocatore altoatesino mantiene i piedi per terra ma i progressi compiuti finora sono sotto gli occhi di tutti. I rivali sono resi conto della sua vertiginosa crescita e anche nelle dichiarazioni non si nascondono.

Sinner sembra invincibile
La clamorosa rivelazione dell’avversario di Sinner (TShot – ANSA)

Non ci si può nascondere dietro a un dito quando si parla di Jannik Sinner. Il tennista di Sesto è in uno stato di grazia tale che anche il numero 3 del mondo sembra andargli stretto. Dopo aver conquistato la sua prima vittoria in un torneo dello Slam in Australia, ora l’obiettivo fissato sembra essere quello della prima posizione del ranking ATP. Il calo di Novak Djokovic, eliminato dal nostro Nardi a Indian Wells, è un punto a suo favore e che soprattutto palesa alcune crepe nel quasi 37enne serbo, sin qui mai mostrate.

Giocando alla grande la stagione sulla terra rossa, Sinner potrebbe ritrovarsi davvero sul tetto del mondo in breve giro di posta. Ovviamente a battagliare con lui non ci sarà solo Nole ma altri ossi duri come Alcaraz e Medvedev che lo precedono e seguono in classifica. Proprio il tennista russo è stato il più deluso dell’esito di Melbourne, con una vittoria che gli è sfumata sul più bello, dopo essere passato avanti per due set a zero.

Sinner, arrivano i complimenti di Medvedev: “Sembra davvero imbattibile”

Medvedev è tornato a parlare da Indian Wells dell’esito della finale persa da Sinner agli Australian Open. Poteva essere il suo primo acuto a Melbourne e invece si è dovuto arrendere ad uno Jannik in formato disumano, capace di rimontare da uno svantaggio di due parziali. Il punteggio di 3-6, 3-6, 6-4, 6-4, 6-3 rende bene idea di che razza di battaglia sia stata. Ma come l’ha vissuto Medevedev?

Medvedev esalta Sinner
Sinner fa paura a tutti (TShot – ANSA)

“Ho impiegato circa una settimana per dimenticare quella finale. Avevo paura di subire il contraccolpo nei tornei successivi, ma mi sono infortunato e non ho potuto giocare”.  Ora però il tennista russo è tornato regolarmente in campo e sui suoi standard, dopo aver recuperato a pieno le energie morali e fisiche.

Il numero 4 del ranking ha poi esaltato Sinner: “Ha giocato una finale importante ed è stato speciale vincere per lui”. Sembrava davvero imbattibile in quella circostanza, con una tenuta mentale e atletica degna solo dei grandissimi interpreti di questo sport. 

Impostazioni privacy