Come curare al meglio la propria mazza da Golf: gli accessori necessari

Non è necessario cambiare materiale tutti gli anni, come gli sciatori o i tennisti, ma le mazze da golf hanno bisogno di cura: ecco come fare.

La diceria popolare ormai è sfatata da tempo. Il golf non è più uno sport per ricchi, se mai lo sia stato in passato. Ma richiede comunque una certa spesa, sia per giocare che per l’abbigliamento e l’attrezzatura, a partire dalle mazze. Non è necessario cambiarle ogni anno, ma come curarle per farle durare nel tempo?

gli accessori per curare la mazza da golf
Mazze da golf, come mantenerle efficienti – Tshot.it

Per abbassare il nostro handicap e fare anche bella figura con i compagni di gioco è fondamentale avere l’attrezzatura adatta e le mazze sono in cima alla lista. Non è solo importante scegliere quelle giuste, ma tenerle anche perfettamente efficienti. Una cura che, un po’ come avviene con la racchetta per i tennisti, possiamo imparare a fare da soli.

Prova un po’ a pensare tutto quello che può danneggiare la testa di bastoni e mazze, ma anche l’impugnatura. Durante un normale giro in campo entrano in contatto con erba e sabbia, acqua e magari pure fango. Ecco perché quando abbiamo finito di giocare, la pulizia della sacca è fondamentale e non differibile. Altrimenti il rischio più comunque è che i bastoni arrugginiscano e perdano quindi efficacia.

Prima di passare al capitolo pulizia vera e propria, qualche consiglio che è sempre utile. Tutte le mazze, a partire dai legni possono e il alcuni casi devono essere protette con le specifiche custodie. Inoltre esistono in commercio, anche online, spray adatti da spruzzare per creare una protezione e quindi attenuare l’accumulo di sporco. E se non li troviamo, vanno bene anche quelli ad olio, come lo Svitol, che creano la patina giusta.

Come curare al meglio la propria mazza da Golf: tutti gli strumenti più adatte per fare da soli

Quando si gioca o si pratica, sarebbe opportuno pulire i bastoni dopo ogni colpo eseguito o almeno tra la fine di una buca e l’inizio di quella successiva. Soprattutto nella zona delle linee sulla faccia del bastone: un po’ come succede agli pneumatici, se non sono pulite è difficile che facciano la giusta presa.

Inoltre ricorda di non lasciare mai la sacca in macchina, anche se è molto comodo. Il sole caldo dell’estate, ma anche le temperature rigide dell’inverno incidono pesantemente sull’impugnatura e sulla testa dei bastoni, rovinandoli. Quindi cerca un posto fresco e coperto, meglio se nel garage di casa.

gli accessori per curare la mazza da golf
Per un gioco efficiente serve una sacca pulita – Tshot.it

Ma quali sono gli strumenti migliori e più adatti per una perfetta pulizia delle mazze fa golf? Intanto porta sempre con te uno o anche diversi asciugamani leggermente umidi, come vedi fare anche dai caddies dei professionisti. Ci serviranno per rimuovere il fango e lo sporco accumulato nelle scanalature. Mai invece usare un oggetto di metallo, tipo un cacciavite anche piccolo: raschierà il rivestimento della testa del bastone e la farà arrugginire.

Il rimedio più efficace  è prenderti un po’ di tempo alla fine del giro per una pulizia generale. Usa un secchio grande, dell’acqua tiepida pulita e un sapone delicato. Quando hai riempito il secchio, lascia i ferri (ma solo la testa del bastone) ad ammollare almeno per 10 minuti. Quindi strofina le linee, i cosiddetti grooves, usando una spazzola a setole morbide e non metalliche.

Ma soprattutto assicurati che le mazze, alla fine della pulizia, siano perfettamente asciutte. Per questo, ripassali sempre con un altro asciugamano pulito e non bagnato, oppure con un panno. Verificalo di persona, ma ogni campo ha un’area dedicata alla pulizia e pert questo puoi fare tutto da solo.

Impostazioni privacy