Corte serrata e firmano: dalla Red Bull alla Ferrari

La stagione 2024 è ripartita nel segno della Red Bull, ma a tenere banco è soprattutto il mercato: Ferrari ha pronto un piano ben preciso.

Vincere aiuta a vincere e certamente in Red Bull non hanno dimenticato come si fa. In queste prime due settimana del Mondiale di Formula 1 la corazzata austriaca ha mostrato tutto la sua forza e lanciato un messaggio. Ma questo non ferma comunque la Ferrari che ha piani ben preciso per il futuro, pescando proprio dalla rivale.

La Red Bull vince, ma rischia grosso: sta per succedere davvero
La Red Bull vince, ma rischia grosso (Ansa Foto) – Tshot.it

Nessuno aveva dubbi sul lavoro fatto da Adrian Newey e dal suo team per progettare la nuova monoposto, che è ancora più rivoluzionaria delle precedenti. E non c’erano nemmeno sulla classe di Max Verstappen, per nulla appagato dai tre titoli di fila. Semplicemente, il campione olandese vuole riscrivere tutti i libri dei record ed è sulla buona strada. In questo quadro idilliaco però da settimane stride la vicenda personale legata alla vicenda di Christian Horner e delle sue presunte molestie.

L’indagine interna, anche se imparziale, non ha prodotto nulla e il team manager è saldamente al suo posto, appoggiato dai soci thailandesi della squadra che hanno la maggioranza. La dipendente della squadra che lo ha denunciato però non pare intenzionata a fermarsi. Anzi, secondo Motorsport-Total starebbe preparando una dichiarazione pubblica che uscirà nelle prossime ore per spiegare finalmente la sua posizione. E così, nella settimana di pausa del mondiale che riprenderà in Australia dal 22 al 24 marzo, ci sarà ancora molto da discutere.

Il timore della Casa madre non è tanto legato al mondo dei motori ma agli affari commerciali. In Paesi come gli Stati Uniti ma non solo potrebbe partire una campagna di boicottaggio generale alla famoso bevanda energetica e agli altri prodotti del gruppo. E le perdite, per una vicenda irrisolta, rischiano di essere enormi.

Dalla Red Bull alla Ferrari, la campagna acquisti che fa già sognare i tifosi delle Rosse

In questo scenario può succedere di tutto, compreso il fatto che Ferrari e Mercedes si inseriscano per fare campagna acquisti nel team leader. Non a caso John Elkann lo scorso weekend era a Jeddah e ha parlato a lungo con i vertici austriaci della Red Bull, in particolare il CEO Oliver Mintzlaff.

Dalla Red Bull alla Ferrari, ecco i nomi: i tifosi stanno già sognando
Dalla Red Bull alla Ferrari, ecco i nomi (Ansa Foto) – Tshot.it

Il sogno è quello di strappare alla concorrenza Adrian Newey che già in passato, come ha raccontato lui stesso, è stato tentato da Maranello. Come ricostruisce La Gazzetta dello Sport però sul piatto ci sono molti altri nomi.

Uno su tutti quello dell’ingegnere francese Pierre Waché, che è il primo assistente di Newey in pista e in fabbrica. Lo scorso anno il tentativo non è andato in porto, ma ora l’aria sta cambiando. E con lui c’è anche il torinese Enrico Balbo, responsabile capo dell’aerodinamica. Entrambi nella primavera 2023 hanno smentito, adesso vedremo.

Poi altri nomi, come quello di David Morgan che attualmente è responsabile sviluppo aerodinamico in pista della Red Bull. O di un altro inglese, Ben Waterhouse, che è responsabile della Performance. Sullo sfondo anche il nome di Peter ‘Bono’ Bonnington, 49enne britannico che è l’angelo custode di Lewis Hamilton in Mercedes. Figure chiave che già fanno sognare i tifosi delle Rosse.

Impostazioni privacy