Doping, squalifica durissima: fuori quattro anni come Pogba

Altra durissima sentenza nei confronti di un professionista del mondo dello sport trovato positivo al doping: è scoppiato lo scandalo

Che fine ha fatto Paul Pogba? A fine 2023 la procura antidoping si era espressa chiaramente: chiesti 4 anni di squalifica per il centrocampista della Juventus accusato di aver assunto testosterone per aumentare le proprie performance sportive. Inizialmente si era parlato di un possibile patteggiamento ma alla fine il calciatore ha deciso di andare a processo.

Paul Pogba, nuova pesante squalifica
Doping nello sport, squalificato 4 anni come Pogba (LaPresse) – Tshot.it

Massimo della pena in vista per il classe 1993 che proprio in questi giorni dovrà presentarsi in tribunale per ascoltare la sentenza. Uno stop così lungo sarebbe deleterio per la sua carriera e per la carriera di chiunque, proprio a tal proposito è da poco stata divulgata un’atra tremenda notizia riguardante sempre il doping nello sport.

Nuova bufera addosso allo sportivo che giusto qualche mese fa, era il 2022, venne allontanato dalla propria nazionale a causa della sua condotta mal tollerata dalla federazione stessa. Ora, però, dopo la notizia, a rischiare di finire per sempre è la sua avventura professionistica: chiesti 4 anni anche per lui.

Positivo al clenbuterolo: massimo della pena anche per lui

Mano pesante da parte delle federazioni di tutto il mondo che hanno deciso di punire severamente gli atleti trovati positivi a sostanze considerati dopanti. L’ultimo nome ad essere finito al centro dello scandalo è ora quello di Elton Jantjies. Trentatreenne rugbista sudafricano che in caso di squalifica confermata, i test parlano di clenbuterolo, dirà addio in maniera definitiva al mondo della palla ovale.

Elton Jantjies, positivo al doping
Elton Jantjies positivo, maxi squalifica in arrivo (Ansa) – Tshot.it

Jantjies era già finito al centro delle cronache, come accennato in precedenza, nel 2022 quando venne alla luce il suo legame clandestino con la nutrizionista della nazionale. Poiché l’atleta ai tempi era sposato, la federazione sudafricana ha pensato bene di prendere le distanze dallo scandalo. Un peccato per il suo percorso poiché nel 2019 era riuscito nella difficile impresa di vincere il Mondiale.

Situazione che, tuttavia, appare niente in confronto agli scenari futuri. Il clenbuterolo, la sostanza dopante assunta dal rugbista, è un farmaco utilizzato generalmente per il trattamento dell’asma che, tuttavia, è anche molto diffuso nel mondo del bodybuilding. È considerata sostanza dopante perché aumenta la massa muscolare e riduce la percentuale di grasso. Scelta che costerà a caro a Jantjies che con ottime probabilità dirà addio in questo modo allo sport della sua vita.

Impostazioni privacy