MotoGP, tifosi in lacrime: addio da brividi

Il paddock della MotoGp è scosso da un addio da brividi: tifosi commossi fino alle lacrime. Ecco tutti i particolari.

Con tre successi di fila, al Montmelò e Mugello (gara e Sprint Race), il due volte campione del mondo Francesco Bagnaia ha riaperto i giochi in vetta alla classifica. Solo 18 le lunghezze che lo separano dal leader Jorge Martin che prima della tripletta di trionfi di ‘Pecco’ sembrava avviato verso il traguardo iridato.

MotoGp, addio da brividi
MotoGp, tifosi in lacrime: addio da brividi (LaPresse)-tshot.it

Eppure, complice la pausa di tre settimane (si ritornerà in pista il 30 giugno per il Gran Premio d’Olanda sul circuito di Assen, ‘l’Università del motociclismo), nel paddock non si fa che parlare dell’addio da brividi a uno dei protagonisti della MotoGp. Un addio che, manco a dirlo, ha commosso fino alle lacrime i tifosi.

MotoGp, Pramac dà l’addio a Jorge Martin: “È arrivato da esordiente, ora è uno dei più veloci”

Se Bagnaia con il suo tris di trionfi di fila ha dato uno scossone alla classifica iridata, il suo principale rivale per il titolo, l’attuale leader Jorge Martin, lo ha dato al mercato piloti. Il madrileno, infatti, stanco di aspettare la Ducati Lenovo Team – che ha ufficializzato l’ingaggio di Marc Marquez per una coppia da sogno con ‘Pecco’ – ha rotto gli indugi legandosi, a partire dal 2025,  all’Aprilia con un contratto pluriennale.

La Pramac dà l'addio a Jorge Martin
Il team Prima Pramac Racing saluta Jorge Martin (LaPresse)-tshot.it

L’addio del driver madrileno al team Prima Pramac Racing era nell’aria e, quindi, non sorprende. Ciò che, invece, ha stupito i tifosi fino a commuoverli sono le parole al miele con le quali il prossimo ex team di Jorge Martin lo ha salutato:

Il team Prima Pramac Racing ha accolto Jorge Martin nel 2021. Da allora lo spagnolo è cresciuto diventando uno dei più forti della classe regina. Nel 2023 ha fatto la storia. Martin ha tenuto aperto il titolo del Campionato del Mondo piloti fino all’ultima gara perdendolo per 39 punti”, si legge nel comunicato diffuso dalla Prima Pramac Racing.

Dunque, nessun livore ma l’orgoglio di lavorare (fino alla fine della stagione in corso) con un talentuoso driver e di essere cresciuti insieme come ribadito da Paolo Campinoti, team principal della Prima Pramac Racing: “Avevamo dato il benvenuto nel nostro team a un esordiente di talento e oggi lavoriamo con uno dei piloti più forti dello schieramento della MotoGp. I progressi che abbiamo fatto insieme sono incredibili”. Adesso l’obiettivo del team è quello di continuare a supportare Martin e di fare il possibile per concludere nel migliore dei modi questa stagione.

Impostazioni privacy