“Non lo cresceremo”: scoppia il caso Bearman, Ferrari infuriata

Il giovane talento della Ferrari Academy vuole un sedile in Formula 1, occhio alle opportunità che potrebbero presentarsi in futuro.

Sono passati solo pochissimi weekend di gara e in Formula 1 è già un caos. Tantissimi, forse troppi, i temi di cui parlare da quando è iniziato il mondiale, sia per quel che riguarda la pista che per tutto quello che coinvolge l’esterno.

Futuro Bearman
Il giovane pilota Ferrari punta al sedile in Formula 1, ma non è così semplice (ansafoto.it) tshot.it

Innanzitutto Red Bull e i risultati sulla stessa falsariga del 2023, con Max Verstappen dominante e il compagno di squadra Sergio Perez che lo segue a ruota. Poi l’assenza di Carlos Sainz, operato all’appendicite, sostituito dal giovanissimo Oliver Bearman che alla guida della Ferrari, prima volta in vita sua su una monoposto di Formula 1, ha stupito tutti con un settimo posto ed una consistenza in pista di tutti rispetto.

Una prestazione che ha aperto nuovi scenari in Formula 1, considerando che l’annuncio di Lewis Hamilton, che passerà in Ferrari dal 2025, senza dubbio creerà un domino di mercato. Chi sarà il sostituto di Lewis Hamilton alla Mercedes? I nomi candidati sono Carlos Sainz, in uno scambio che sarebbe forse epocale, ma anche Fernando Alonso o Sergio Perez, apparentemente vicino all’addio da Red Bull.

Oliver Bearman su una monoposto? Difficile, ne parla uno dei vertici Red Bull

Lo storico consigliere Red Bull Helmut Marko ha commentato l’esordio di Oliver Bearman, paragonandolo a quello di Pedro Acosta in MotoGp. “Ha portato una ventata d’aria fresca nel circus”, ha commentato. Secondo Marko, però, Bearman potrebbe diventare un problema per Ferrari e Vasseur, visto che a Maranello non sono riusciti a piazzarlo su un sedile, magari Haas.

Futuro Bearman
Helmut Marko non ha dubbi, Bearman dovrà aspettare (ansafoto.it) tshot.it

Helmut Marko ha rivelato di aver avuto un contatto con Bearman in passato, ma che la Ferrari Academy è stata, all’epoca, più rapida nel firmare il giovane talento. “Di sicuro non lo cresceremo noi per loro in Racing Bull, ha continuato Helmut Marko”, di fatto chiudendo la porta al giovane pilota per il futuro.

Una situazione scomoda, con Ferrari che ora è costretta a tenere ai box un pilota potenzialmente vincente, senza nessun team disposto ad affidargli una monoposto. Occhio ai prossimi mesi, perchè Oliver Bearman sembra ormai aver acceso una scintilla nel paddock di Formula 1, chissà che qualcuno non cambi idea e decida di scommettere su di lui per le prossime stagioni.

Impostazioni privacy