Pazzesco Sinner, il record per il 2024 è già raggiunto: da non credere

Ancora prima di iniziare la stagione, Jannik Sinner ha già centrato un altro primato personale. La conferma è arrivata

Resteranno impresse per sempre nei ricordi degli appassionati di tennis, e non solo, le immagini dell’abbraccio tra Jannik Sinner e Filippo Volandri al termine del match vinto dall’azzurro contro Alex De Minaur a Malaga.

Jannik Sinner record testa di serie Australian Open
Jannik Sinner, un 2023 indimenticabile per l’azzurro (LaPresse) – Tshot.it

Partita che ha rappresentato l’apice, finora, nella carriera del tennista altoatesino, protagonista assoluto nella vittoria della Coppa Davis, exploit conclusivo di una stagione indimenticabile nella quale Jannik ha, finalmente, conquistato il posto che gli spetta tra i grandi del tennis mondiale.

Quattro titoli vinti (Montpellier, il primo Masters a Toronto, Pechino e Vienna), la qualificazione alle Finals di Torino con l’approdo in finale contro Djokovic, la semifinale a Wimbledon persa anch’essa con il serbo, un’altra finale Masters a Miami (ko con Medvedev) e due semifinali Mille a Indian Wells e Montecarlo. Questo, in estrema sintesi, il ruolino di marcia di Sinner cui va aggiunto un ulteriore traguardo di grande importanza per lui e la storia del tennis italiano.

Sinner già da record, accadrà all’Australian Open

Grazie ai risultati ottenuti nel finale di stagione, Sinner ha conquistato la quarta posizione del ranking Atp. Mai nessun italiano era arrivato così alto nella classifica mondiale, peraltro, con un punteggio finale mai raggiunto da un connazionale da quando l’Atp ha varato il nuovo sistema di assegnazione punti nello scorso decennio.

Jannik Sinner record testa di serie Australian Open
Jannik Sinner mai così alto in uno Slam (LaPresse) – Tshot.it

Sinner, infatti, ha concluso il 2023 con 6490 punti, battendo il precedente primato che apparteneva a Matteo Berrettini, sesto in classifica nel 2021 con 4568, al termine dell’annata in cui aveva raggiunto la finale a Wimbledon, persa con Djokovic in quattro set.

Con il quarto posto ottenuto nel ranking Atp, Sinner ha stabilito già un altro primato personale. L’attuale posizione in classifica, infatti, gli consentirà di partire come quarta testa di serie all’Australian Open 2023, al via a Melbourne il prossimo 14 Gennaio. Mai Jannik aveva cominciato un Major in una posizione così alta. Meglio di lui ha fatto solo Adriano Panatta, secondo nel main draw nell’edizione 1977 del Roland Garros che l’ex tennista azzurro disputava da campione in carica.

Quella di Panatta, peraltro, è stata l’ultima presenza di un azzurro tra le prime quattro teste di serie di uno Slam. Ora ci è riuscito anche Sinner mentre Berrettini, all’Australian Open 2022, era sesto al sorteggio.

Sinner ha già cominciato la preparazione in vista del 2024. Jannik ha scelto Alicante, in Spagna, per gli allenamenti ai quali parteciperà anche il collega Luca Nardi. Non è prevista la partecipazione ad alcun torneo precedente l’Australian Open. Sinner disputerà solo un match di esibizione al Kooyong Classic prima del debutto a Melbourne dove, lo scorso anno, raggiunse gli ottavi di finale sconfitto da Tsitsipas.

Impostazioni privacy