Ritiro Hamilton, fulmine a ciel sereno: c’è la conferma

Lewis Hamilton e il ritiro dalla Formula 1 dietro l’angolo: la conferma che fa tremare tutti i tifosi della Ferrari. Cosa può accadere a breve.

Il campione britannico passerà nella scuderia di Maranello a partire dalla stagione 2025 ma la sua avventura in Italia potrebbe non essere poi così lunga. Le sue dichiarazioni sono piuttosto chiare sull’argomento.

Hamilton lascia tutti di stucco
Il ritiro di Lewis Hamilton è vicino (TShot – ANSA)

Al momento della sua firma con la Ferrari il mondo della Formula 1 è rimasto basito: un fulmine a cielo sereno comunicato alla stampa prima dell’inizio di questa stagione. In molti hanno cominciato a proiettarsi già sul 2025, tanta è l’attesa di vedere Lewis Hamilton in rosso. I più maligni parlando di un pilota che non sta vivendo bene questa fase di transizione in Mercedes e i risultati dei primi 3 Gran Premi sembrano quasi dargli ragione. Hamilton è rimasto sempre alle spalle di Russell e in Australia ha dovuto anche fare i conti con un problema tecnico che lo ha costretto al ritiro.

Mai un acuto in Qualifica, mai una lotta per il podio in gara. Arrivare così a fine anno sarà dura ma nelle sue intenzioni c’è risalire la china il prima possibile e scrivere ancora qualcosa di importante in questo Mondiale. Alla soglia dei 40 anni Hamilton non si sente per niente demotivato o in calo di forma, così come confermato in una recente intervista rilasciata per l’edizione annuale del Creativity Issue di GQ.

Hamilton, il ritiro non è poi così lontano: “Poi mi dedicherà a cinema e moda”

Lewis Hamilton sa benissimo che prima o poi dovrà dire basta con la Formula 1 ma la cosa non lo preoccupa. “Ho capito che non posso correre per sempre, ma appena smetterò e lascerò il microfonino delle comunicazioni via radio, sarò una persona felice“.

Hamilton stupisce tutti i tifosi Ferrari
Il colpo di scena di Lewis Hamilton (TShot – ANSA)

In mente ha anche altro: “Penso che in futuro mi concentrerò di più su cinema e moda”. Poi sul passaggio in Ferrari è piuttosto chiaro: “Credo si sia trattato di una volontà inconscia, legata al primo periodo della mia vita. Correre per la Ferrari è sempre stato un obiettivo importante per me”.

Chiaramente prima il pensiero deve andare a questa stagione e al lavoro da concludere nel migliore dei modi con la Mercedes. La preoccupazione dei tifosi di Maranello è solo legata al fatto di non avere abbastanza tempo per godersi il vero Hamilton, anche se come confermato da lui stesso: “Non mi sono mai allenato così tanto e sentito così bene fisicamente”. Vedremo se basterà per battere Verstappen.

Impostazioni privacy