Schumacher ha cambiato tutto: è successo davvero

Michael Schumacher ha cambiato tutto: un incredibile aneddoto che è successo davvero. Il pilota tedesco ha lasciato tutti i fan senza parole

Incredibile Michael Schumacher, sa sempre stupire. Anche a distanza di anni, ricordando alcuni aneddoti magari sfuggiti ai più. Parliamo probabilmente del più grande pilota di tutti i tempi di Formula 1, 7 volte campione del mondo e rimasto nella memoria di tutti gli appassionati.

Che colpo per Schumacher: ha cambiato tutto
Michael Schumacher ha cambiato tutto, ecco cosa è successo – (ANSA) – tshot.it

Lo sfortunato campione, le quali condizioni oggi giorno sono ancora oggetto di mistero da parte della famiglia che mantiene un gran riserbo su come realmente stia dopo il grave incidente di una decina di anni fa, fu protagonista di un curioso episodio nel 2003. In pochi sanno quanto successo 21 anni fa, quando Schumi decise di provare la mitica Alfa Romeo 156 S2000.

All’epoca era guidata da Gabriele Tarquini, grande protagonista nel campionato turismo. Il sette volte campione del mondo la volle provare per dire la sua. Si trattava, infatti, di una vettura che all’epoca andava per la maggiore, era di moda e tutti volevano mettersi alla sua guida. Non era da meno, ovviamente, un amante del settore come il pilota tedesco. Come andò quella volta?

Schumacher ha cambiato tutto: l’aneddoto di quando provò l’Alfa Romeo 156 S2000

Quel giorno del 2003, quando Schumacher era all’apice della sua carriera, decise di provare questa vettura differente rispetto a quelle che in genere conduceva nella sua categoria. Per lui, però, ogni cosa legata al mondo dei motori era una vera e propria sfida personale!

Schumacher ha cambiato tutto: è successo davvero!
L’incredibile aneddoto che riguarda il super pilota tedesco – (ANSA) – tshot.it

E così, dopo aver fatto un paio di giri “di prova”, il pilota tedesco si rimise alla guida e fece una ventina di giri, tra cui uno col miglior tempo di sempre, ovvero 2 minuti, due secondi e 76 centesimi. Il suo intento era chiaro: battere il record di Tarquini, e ci riuscì per 4 decimi.

Una volta lasciata la vettura Schumacher ringraziò tutti definendola “un’esperienza piacevole. Ringrazio l’Alfa Romeo per avermi dato questa opportunità. In realtà doveva solo provarla, ma si sa che uno come lui voleva essere competitivo sempre anche quando non c’era nessuna gara in atto. Il tedesco però la prese come una sfida personale.

Parliamo, naturalmente, del miglior Schumacher di sempre, quello che nel 2003 stava dominando la Formula 1 grazie alle sue innumerevoli vittorie con la Ferrari. Anche quell’anno si concluso con il suo trionfo il cui primo avvenne, dopo un inizio in salita, proprio ad Imola, nel circuito dove si correrà in questo weekend. Quella gara è particolarmente ricordata perché Schumi la disputò con la morte nel cuore, essendo scomparsa la mamma da poche ore.

Impostazioni privacy