Schumacher, smentita UFFICIALE: è tutto falso

Arriva la smentita ufficiale su Schumacher, dopo quanto si vociferava nei giorni scorsi: è tutto falso! I tifosi l’hanno appreso poco fa.

Tutti sanno quanto ha rappresentato Michael Schumacher nel mondo della Formula 1. Il sette volte campione del mondo è stato per i motori, secondo alcuni, quello che Maradona è stato per il calcio, il più forte di tutti i tempi. Ecco perché pur essendo passati diversi anni dal suo ritiro, è ricordato ancora con molto affetto e soprattutto con apprensione per le sue reali condizioni di salute dopo il grave incidente avuto una decina di anni fa mentre era su una pista da sci.

Schumacher, smentita ufficiale
Mick e Michael Schumacher in una foto d’archivio – (ANSA) – tshot.it

Le sue reali condizioni attuali sono un mistero, la famiglia ha sempre voluto mantenere un gran riserbo sulla questione. Di sicuro la sua leggenda viene tramandata e raccontata ancora oggi, così come i suoi eredi stanno provando a fare sul circuito di Formula 1. Tante volte si è sentito parlare di “nuovo Schumacher”, ma probabilmente nessuno può definirsi tale più del figlio Mick, da qualche anno nel mondo dei motori a sua volta.

Schumacher, arriva la smentita ufficiale: è tutto falso

Nei giorni scorsi il classe ’99 è stato al centro di un caso e di alcune speculazioni che lo hanno riguardato con la Mercedes. dove attualmente è un pilota di riserva. Le voci intorno al figlio d’arte sono emerse dopo la sua partecipazione ad alcuni test in cui partecipava anche il giovane Kimi Antonelli.

Schumacher, arriva la smentita ufficiale
Mick Schumacher al centro di alcune indiscrezioni – (ANSA) – tshot.it

Quest’ultimo ha 17 anni e secondo molti è un enfant prodige. Già nel 2025 potrebbe fare il salto in Formula 1, magari proprio con la Mercedes. Come detto nelle scorse settimane erano andati in scena questi test che hanno visto oltre lo stesso Antonelli, la presenza anche di Mick Schumacher e George Russell, principale volto attuale della casa automobilistica. In particolare l’ultima uscita si è tenuta a Silverstone.

In molti hanno pensato a queste prove come una sorta di sfida tra i tre, con il pilota inglese che non ha voluto concedere il volante al baby prodigio per paura che risultasse più veloce di lui. Ci ha pensato la stessa Mercedes, dunque, a fare chiarezza sull’episodio, smentendo tutto, tramite un portavoce. “Il test andato in scena a Silverstone includeva i tre piloti ma non era assolutamente una sfida è l’incipit di queste dichiarazioni.

Che poi proseguono: “Ogni pilota ha completato programmi diversi, in giornate diverse anche in base alle condizioni della pista”. Caso chiuso dunque? “Ci sono state voci che hanno portato a speculazioni e le smentiamo in maniera categorica”.

Impostazioni privacy