Si ritira ad appena 31 anni, è un giorno triste per lo sport italiano

Giornata triste per lo sport italiano dopo che il grande campione ha annunciato il proprio ritiro ad appena 31 anni.

Per ogni atleta professionista che si rispetti arriva sempre il momento in cui porre un freno definitivo alla propria carriera, ma spesso tale momento arriva in anticipo per svariati motivi e si è costretti ad uscire di scena in maniera prematura.

Giorno triste per lo sport italiano: il campione dice basta a 31 anni
Il campione si ritira ad appena 31 anni: giornata triste per lo sport italiano (LaPresse) – tshot.it

È questo il caso di Giovanni Galbieri, velocista originario di Verona di 31 anni che ha deciso di appendere le scarpe al chiodo dandone l’annuncio con un post su Instagram. Un annuncio che ha letteralmente scioccato tutti i suoi tifosi e gli amanti di questo sport che mai si sarebbero aspettati di leggere una notizia simile.

Conosciuto per essere sia un grande velocista, ma anche uno sprinter rapidissimo, Galbieri si è fatto conoscere fin da giovanissimo conquistando un sorprendente trionfo ai Campionati Europei U23 sui 100 metri, disputatisi nel 2015 a Tallinn, in Estonia. Il suo addio non può che lasciare attoniti, ma la scelta presa da Galbieri è una di quelle che vanno non solo capite, ma anche rispettate.

Giovanni Galbieri dice basta: il velocista si ritira a 31 anni

Attraverso un lungo ed emotivo post pubblicato sul suo profilo Instagram, Giovanni Galbieri ha annunciato di aver deciso di appendere gli scarpini al chiodo. In tale post, il velocista veronese ha voluto ripercorrere quella che è stata la sua carriera, costellata di tanti momenti sia belli che brutti come naturale che sia poiché non sempre le cose vanno come uno vuole nella vita e nello sport.

Galbieri dice stop: il velocista si ritira a soli 31 anni
Galbieri dice basta a 31 anni: il velocista ha annunciato il ritiro (Ansa) – tshot.it

Ripercorrendo quello che è stato il proprio tortuoso, ma soddisfacente percorso, Galbieri si è voluto definire “un nostalgico malinconico con flebili sfumature leopardiane“, sottolineando come stia ricordando i propri successi per se stesso e non per gli altri. Nonostante ciò, il velocista classe 1993 ha ammesso che gli sarebbe piaciuto sentirsi dire “bravo” qualche volta, soprattutto nei momenti difficili della sua carriera.

Al di là di questo, Galbieri non può non essere soddisfatto della carriera fatta e che ci sono certamente modi ben peggiori di uscire di scena. Il velocista veronese ha chiuso il proprio post affermando di poter lasciare lo sport che ama “con gratitudine e accettazione“, essendo consapevole di quanto fatto in tutti questi anni.

Oltre alla vittoria di Tallinn nel 2015, Galbieri ha anche preso parte nel 2022 ai Mondiali di Belgrado dopo aver staccato il pass offrendo una super prova sul 6.60 ad Ancona e dimostrando di essere in una condizione fisica invidiabile. Per questo motivo, a distanza di 2 anni, il suo addio ha scioccato tutti i suoi tifosi che in lui riponevano ancora belle speranze, ma Galbieri ha preso tutti in contropiede e non si può fare altro che rispettare la sua scelta ed augurargli il meglio per il futuro.

Impostazioni privacy