Terribile lutto nello sport: tecnico muore d’infarto

Si trovava insieme alla squadra quando è stato colpito da un attacco di cuore che non gli ha lasciato scampo

Sono passati appena pochi giorni dall’inizio del 2024 e questo nuovo anno si è già rivelato drammatico per quanto riguarda i lutti e le malattie nel mondo dello sport. L’ultimo dramma è quello che ha colpito i tifosi tedeschi, in particolare quelli dell’Herta Berlino, che si sono ritrovati a dover salutare prima del tempo il loro storico presidente. Addio all’indimenticabile Key Bernstein.

Lutto nel mondo NBA
Tragedia in NBA: addio all’assistente allenatore dei Golden State Warriors (Ansa) – Tshot.it

Numero uno del club berlinese famoso per essere stato un capo ultras diventato presidente. Il suo look, andava in giro sempre con la tuta ufficiale del club, è stato e sarà per sempre il suo più grande tratto distintivo. Poi è arrivata un’altra tragica notizia e questa volta i più colpiti sono stati i tifosi della Lazio.

Annuncio da lacrime da parte dell’allenatore campione d’Italia nel 2000 Sven Goran Eriksson che ha confessato di essere malato di tumore e di avere solo un anno di vita. Questa volta, invece, ad essere costato caro ad un apprezzato tecnico è stato un infarto che non gli ha lasciato scampo.

Addio al tecnico: infarto improvviso e squadra sotto choc

Altro lutto nel mondo dello sport, più precisamente nel basket, dove a perdere la vita è stato l’allenatore Dejan Milojevic. Ex cestita classe 1977 famoso per aver vinto sia da giocatore che da allenatore, stroncato da un infarto all’età di 46 anni. La sua carriera professionistica si è conclusa appena nel 2021 e da quel momento aveva deciso di continuare a dedicare la sua vita al basket ma in un’altra veste.

Basket in lutto, addio al tecnico
Basket sotto shock, morto dopo un infarto (Ansa) – Tshot.it

Prima della dipartita è stato anche allenatore in seconda dei Golden State Warriors, proprio mentre era a cena con la squadra a margine di un importante match, il tecnico ha accusato un malore che lo ha immediatamente costretto al ricovero in ospedale. Nonostante la celerità dei medici, per lui non c’è stato niente da fare ed è deceduto ufficialmente la mattina dello scorso 17 gennaio.

Morte improvvisa per Milojevic che non aveva accusato nessun malore durante le ore o i giorni precedenti, la notizia ha devastato la squadra e l’intera comunità cestistica che si è voluta stringere intorno alla famiglia della vittima. Infiniti i messaggi di vicinanza da parte del mondo professionistico dell’NBA e di tutto il basket in generale.

Impostazioni privacy