Bufera in campo: caccia all’uomo, episodio vergognoso

Una nuova polemica davvero terribile per il top player. L’annuncio subito del club, che ha voluto prendere le distanze

Una mancata stretta di mano ha fatto infuriare i tifosi sui social: un filmato pubblicato in rete ha alzato un vero e proprio polverone. Ecco tutto quello che è successo poche ore fa, la verità a galla.

Tifosi arrabbiati contro di lui il club annuncia la verità
Tifosi arrabbiati contro di lui il club annuncia la verità, ecco che succede – Lapresse – tshot.it

 

Spesso nel calcio succedono incomprensioni: basta un filmato divulgato per criticare apertamente senza pensarci su nemmeno cinque secondi. Una mancata stretta di mano ha fatto partire numerosi commenti diffamatori nei confronti di un top player del Chelsea e della Nazionale inglese. Ancora oggi i social non sono controllati al massimo con un’apertura totale ad offese di ogni tipo.

Attacco diretto al top player: commenti offensivi contro di lui

Soltanto l’intervento del top club inglese ha cercato di spiegare l’episodio entrando nello specifico della vicenda. Un momento terribile per il centrocampista del Chelsea: ecco tutto quello che è successo.

Tifosi si scagliano contro il top annuncio
Tifosi si scagliano contro il top annuncio, ecco la verità – Lapresse – tshot.it

 

Questa volta è finito nel mirino il centrocampista inglese del Chelsea, Conor Gallagher, che non ha stretto la mano ad un bambino: subito sono partiti migliaia di insulti verso di lui, ma i Blues hanno voluto subito difendere l’atteggiamento de proprio tesserato. A prima vista, sembra che sia voluto fatto di proposito ma pochi secondi prima aveva fatto proprio l’esatto contrario.

Così è apparso subito il comunicato del top club della Premier League che ha rivelato che si tratta di un filmato fuori contesto. Così il Chelsea ha cercato di placare gli animi dopo i numerosi commenti diffamatori nei suoi confronti: “Siamo soddisfatti di essere inun club diversificato e inclusivo in cui persone provenienti da tutte le culture”. In molti hanno anche ipotizzato anche un gesto a sfondo razzista: così il Chelsea ha tutelato subito il proprio tesserato rispedendo al mittente ogni tipo di offese.

Impostazioni privacy