Valzer di panchine in serie A: presente anche Conte

Valzer di panchine in serie A: c’è anche Antonio Conte che è pronto a ritornare nel nostro campionato dopo tre anni dall’addio all’Inter

La prossima estate rischia di andare in scena un vero e proprio valzer di panchine che potrebbe riguardare diversi club di Serie A. Le grandi cambieranno quasi tutte, ripercorrendo un po’ quanto successo nell’estate del 2021 quando ci fu un giro di cambiamenti che coinvolse tutte le big ad eccezione di Milan e Atalanta che da anni stanno andando avanti con Pioli e Gasperini che infatti sono gli allenatori più longevi attualmente in serie A.

Serie A, valzer di panchine: protagonista anche Conte
Antonio Conte sarà tra i protagonisti del valzer di panchine in serie A – (ANSA) – tshot.it

Le cose cambieranno presto in casa rossonera: infatti Pioli è proprio uno dei tecnici maggiormente in bilico e ormai quasi sicuro di non restare nel club meneghino. Sono diverse, come detto, le squadre che hanno intenzione di cambiare guida a partire dai rossoneri ma passando anche per Roma e Napoli le due grandi deluse fin qui che clamorosamente hanno già decretato un esonero a testa. Gli attuali tecnici Mazzarri e De Rossi hanno le sembianze di essere dei traghettatori a tutti gli effetti.

Valzer di panchine in serie A: c’è anche Conte

Dunque tra gli allenatori che si siederanno su una panchina di serie A nel 2024/25 può esserci il grande ritorno di Antonio Conte, attualmente disoccupato di lusso dopo l’esperienza al Tottenham conclusa un anno fa. In Italia non si vede dal 2021, quando portò lo scudetto all’Inter per poi lasciare. Il rientro potrebbe avvenire sull’altra sponda dei Navigli: è infatti il grande favorito per essere il successore di Pioli sulla panchina del Milan.

Valzer di panchine in serie A: cambia tutto
Raffaele Palladino è pronto ad essere coinvolto nel valzer di panchine in serie A – (ANSA) – tshot.it

Stefano Pioli però con ogni probabilità non resterà a spasso, nessun anno sabbatico per lui. Ci sarebbe il Napoli pronto a virare su quello che è quasi sempre stato una bestia nera, uno spauracchio al “Maradona”, violando più volte e con diverse squadre l’impianto partenopeo. Dai tempi del Chievo, passando alle due vittorie in tre giorni col Bologna tra campionato e Coppa, quella con la Lazio nello spareggio-Champions, e infine i successi col Milan che sono valsi mezzo scudetto nel 2022 e la sconfitta più fragorosa della squadra che da lì a poco avrebbe vinto il titolo l’anno scorso. Ciliegina sulla torta la qualificazione alle semifinali di Champions conquistata proprio col Diavolo. Insomma se quell’impianto gli porta bene quale mossa migliore di farlo sedere stabilmente sulla propria panchina?

L‘altra squadra che cambierà è sicuramente la Roma: in pole c’è Raffaele Palladino, pronto per una big dopo star facendo grandi cose al Monza. Parlando di outsider che vanno verso una grande un altro nome è sicuramente Thiago Motta: andrà all’Inter o alla Juve, in base a chi perderà lo scudetto. Un vero e proprio valzer in panchina tra le big che potrebbe vedere solo la vincente dello scudetto e la Lazio, forse, conservare gli attuali tecnici.

Impostazioni privacy