Verstappen ‘minaccia’ la RedBull: resta soltanto ad una condizione

Il futuro di Max Verstappen sotto la lente di ingrandimento: occhio Red Bull, perché l’olandese può davvero salutare.

In pista è quasi sempre stato il più veloce. La storia, di fatto, non mente. E sono tre anni consecutivi di successi, soddisfazioni, festeggiamenti. Max Verstappen rimane il pilota più veloce e vincente della storia recente.

Verstappen avvisa la Red Bull: così sarà addio
Verstappen resta ad una sola condizione (LaPresse) – Tshot.it

Lo sanno bene in casa Red Bull dove da qualche mese a questa parte devono fare i conti con un’ipotesi potenzialmente dolorosissima: quella dell’addio del gioiello olandese. Il caso Horner ha aperto una crepa pericolosissima nella quale Jos Verstappen, papà di Max, si è inserito per tentare di portare il tre volte campione del mondo lontanissimo dalla Red Bull.

La gestione del Team Principal è ancora oggi criticatissima e la recente partenza di un pilastro come Adrian Newey parla effettivamente di un cambio radicale, quasi generazionale, nel quale può rientrare pure Max. Sotto contratto con la Red Bull fino al 2028, non è però da escludere che già l’anno prossimo le strade di Verstappen e del team campione del mondo possano separarsi.

Alla finestra c’è sempre lui, Toto Wolff, pronto a fare follie con i vertici di casa Mercedes pur di accaparrarsi il pilota più forte degli ultimi anni. L’offerta, o presunta tale, arrivata dalla Scuderia di Brackley sarebbe a dir poco folle: 150 milioni annui e Verstappen diventerebbe il pilota più pagato di sempre.

Red Bull gelata: così Verstappen se ne va

Ma non è nemmeno da escludere che alla fine Verstappen decida di rimanere. Secondo quanto filtrato dalla Spagna vi sarebbe una conditio sine qua non imposta dal tre volte campione del mondo alla Scuderia di Milton Keynes.

Verstappen avvisa la Red Bull: così sarà addio
Addio Red Bull: l’ultimatum di Verstappen (LaPresse) – Tshot.it

Se tale condizione non sarà rispettata, allora il divorzio sarà praticamente ufficiale: uno scenario che già mette i brividi alla Red Bull. Secondo quanto riportato da ‘Elgoldigital.com’, Max Verstappen rimarrà alla Red Bull ad una condizione: che la vettura rimanga competitiva.

Ed in tal senso l’addio di Newey ha già gettato preoccupanti ombre sul lavoro di Horner. A questo punto, non è affatto da escludere che possa consumarsi il divorzio. Tant’è che dal 2026 la Red Bull dovrà prodursi da sola il motore, cosa mai accaduta, e rispetto alla concorrenza di scuderie più ‘abituate’ come la Ferrari potrebbe ritrovarsi in grossa difficoltà.

Per il 2025, la situazione potrebbe rimanere più o meno quella attuale. Ma Verstappen è stato perentorio: lo ha ribadito anche a Miami, vuole continuare ad essere il più veloce in pista. Horner e la Red Bull sono avvisati.

Impostazioni privacy