Finalmente, ha firmato: ecco la nuova macchina di Sainz

Del futuro del pilota spagnolo se ne parla da mesi: nonostante smentite e dietrofront, arrivano maggiori informazioni sul suo prossimo team 

Il prossimo team di Formula 1 di Carlos Sainz sta diventando un tormentone e sempre più tifosi della competizione si stanno chiedendo dove andrà a correre le prossime stagioni, compresa quella del 2026 definita da molti “rivoluzionaria” per via del rinnovo del regolamento tecnico.

Sainz ha firmato per il nuovo team
Sainz ha firmato per la nuova Scuderia? – Tshot.it

Questo rebus prima o poi dovrà essere risolto anche perché il tempo non è il principale alleato del compagno a Maranello di Charles Leclerc. Le pressioni su di lui e la voglia dei tifosi di conoscere il suo futuro stanno poi facendo il resto. Nelle ultime ore si sta parlando incessantemente di un Sainz vicino a firmare per una Scuderia che può definirsi tutt’altro che competitiva o capace di dire la sua nella parte importante della griglia.

Sainz, Williams vicina al pilota spagnolo

Lui ha negato qualsiasi voce di mercato, definendo fuori luogo gli accostamenti alla Williams. Eppure nelle ultime ore sono arrivate maggiori informazioni a supporto di questa ipotesi che si sta facendo sempre più concreta. Anche perché, come detto poc’anzi, il tempo che scorre inesorabile non permette al pilota della Ferrari di compiere chissà quale analisi sul suo futuro.

James Vowles, team principal della Williams, ha parlato a chiare lettere della possibilità di ingaggiare un pilota del calibro Sainz. E c’è chi addirittura preannuncia la data dell’ufficialità: ossia il prossimo 23 giugno, poco prima dell’inizio del Gran premio di Spagna in cui il pilota di casa intenderà far bene.

Sainz, Williams punta su di lui
Sainz vicino alla Williams (LaPresse) – Tshot.it

Se dovesse andare a finire così, e cioè Sainz diventasse realmente il prossimo compagno di Alexander Albon in Williams, il prossimo anno sarà tutto tranne che semplice per l’ex Renault e McLaren. Il motivo è presto detto: se la Scuderia di Grove non si inventerà una vettura di altissimo livello, capace di superare in un lampo le rivali di metà griglia, sarà molto difficile per il madrileno competere con McLaren, Ferrari e Red Bull, che godono di tutt’altra qualità in termini di prestazioni e numeri.

Ci si aspetta quindi un Mondiale 2025 abbastanza complicato per lo spagnolo che tuttavia cercherà, qualora firmasse realmente per la Williams, di portare a Grove la voglia di vincere e di far bene (la stessa voglia che ha mostrato nei suoi anni in Ferrari). La Formula 1, del resto, è sempre pronta a regalarci una sorpresa dietro l’altra.

Impostazioni privacy