Formula Uno, Verstappen fa discutere: la sentenza è netta

Max Verstappen non è mai banale, le sue ultime dichiarazioni mettono in allarme un po’ tutto il mondo motoristico.

La Fia sta cercando di creare sempre più motivi di interesse intorno al mondo motoristico, ma il campione del mondo non sembra essere particolarmente felice. Il talento della Red Bull è tornato a far discutere, c’è un problema ancora in ballo.

Verstappen fa discutere in F1
Max Verstappen resta un po’ turbato (ansa foto) – tshot.it

I motori si scaldano per l’inizio della stagione, il 2024 della Formula 1 sarà tutto da vivere. Sarà una stagione particolare, Hamilton e Leclerc lotteranno ancora divisi prima di ritrovarsi in Ferrari e avranno l’obiettivo di insidiare Max Verstappen, campione del mondo e sempre più protagonista con la Red Bull.

Le responsabilità per l’olandese sono aumentate, dopo tre titoli iridati consecutivi non sarà facile mantenere alta la concentrazione in pista. Verstappen ha espresso tutte le perplessità, accettando solo in parte le ultime modifiche sul regolamento del campionato.

Verstappen deciso, cosa non va in Formula 1

Il pilota è riuscito nella scorsa stagione a conquistare 19 Gp su 22 pur non mostrando il massimo della felicità. In particolare, Verstappen era stato tra i primi a non essere contento della sprint race, ovvero la mezza corsa di sabato che dà comunque punti importanti per il campionato. Il campione del mondo ha ribadito il suo pensiero: non ama i weekend sprint, pur accettandone qualche variante tecnica.

Problema Verstappen in Formula 1
L’olandese non felicissimo delle sprint race, seppur modificate (ansa foto) – tshot.it

Il pilota della Red Bull ha dichiarato, ai microfoni di Sprint Race, come l’idea di correre nei weekend con queste modalità non lo faccia impazzire. Così come lo scorso anno, sono sei gli appuntamenti misti nel corso della stagione, circa il 25% dei fine settimana motoristici sarà maggiormente vibrante per il pubblico da casa. Verstappen ha chiarito subito le sue idee:

Il cambiamento fatto in questa stagione ha più senso ma non mi entusiasma vincere una gara sprint. Il format comunque è migliorato, prima eri bloccato e sapevi che il fine settimana era rovinato perché non potevi cambiare nulla”.

La formula sperimentale lanciata dalla Fia è stata modificata, nel corso del tempo, proprio ascoltando le esigenze di piloti e scuderie. Nei sei appuntamenti sparsi nel corso della stagione, toccando un po’ tutti i continenti, si partirà dal venerdì pomeriggio (e non dalla mattina) per impostare lo schieramento in griglia con le prime qualifiche. Sarà anticipata, invece, la stessa gara sprint a sabato mattina, mentre le qualifiche per il Gp si terranno il sabato pomeriggio.

Impostazioni privacy