Scossone improvviso, c’è l’annuncio: terremoto in Formula 1

Il Gp d’Australia ha registrato una clamorosa doppietta per la Ferrari, con una polemica delle ultime ore che porta ancora più caos in F1.

Le ultime vicende in campo motoristico stanno spiazzando i team e i piloti. Gli sportivi sono ancora più turbati da un ultimo annuncio sul campionato.

Scossa in Formula 1
La Formula 1 turbata per un caso importante (LaPresse) – tshot.it

Il torneo di F1 prosegue, la gara australiana è stata ricca di colpi di scena e ha costretto gli italiani a una levataccia per seguirla in diretta, la doppietta della Ferrari compensa qualche ora di sonno in meno.  Il clima è stato incandescente, non aiutato di certo dalle polemiche delle ultime ore, che hanno un po’ interessato molti nel paddock.

In particolare, erano stati mossi dubbi importanti sulla regolarità dello scorso campionato, il comitato etico della FIA aveva ipotizzato delle particolari interferenze per il Gp arabo del 2023. Qualcosa di shoccante con l’esito che, nelle scorse, ha spiazzato decisamente gli appassionati dei motori.

F1 nel caos, l’annuncio è ufficiale

Gli ultimi giorni in Australia sono stati caotici anche per quanto accaduto al di fuori della pista di Melbourne. Il presidente della federazione internazionale Mohammed Ben Sulayem era sospettato di essere intervenuto per ribaltare la penalità di dieci secondi inflitta a Fernando Alonso al Gran Premio d’Arabia nel 2023. Dopo trenta giorni di analisi e undici testimoni al vaglio, Ben Sulayem è stato scagionato da quest’accusa.

Nuovo caso in Formula 1
Mohammed Ben Sulayem si difende (Lapresse) – tshot.it

Scemate le critiche su questo caso e su presunte interferenze nella gestione del Gp di Las Vegas, non è mancata la replica piuttosto piccata del presidente. Ha ringraziato quanti lo hanno supportato ma, in una lettera rivolta ai membri della Fia e divulgata dall’Associated Press, ha chiarito qual è la sua posizione e come la Formula 1 dovrà cambiare passo anche per il prossimo futuro.

Il presidente è stato duro e non ha nascosto il suo rammarico, ha riferito come queste denunce nei suoi riguardi abbiano scosso la Fia. Ben Sulayem ha spiegato come queste turbolenze registrate nei riguardi dei loro vertici non abbiano precedenti in passato. Forse ricordando poco le tante querelle motoristiche (i vertici della Formula 1 sono attaccati in ogni epoca), ha ribadito il suo pensiero: “Questi attacchi maligni hanno avuto un obiettivo preciso: colpire il cuore della nostra leadership e minare alle fondamenta della nostra federazione”.

La fuga di notizie non ha avuto risvolti positivi per Ben Sulayem, che potrebbe anche prossimamente decidere per un ribaltone interno nei vertici della Formula 1. Ipotesi che non si esclude, considerando quale sarà la missione del presidente: “Resto saldo con la mia dedizione al lavoro, continuerò a impegnarmi per creare un ambiente trasparente”.

Impostazioni privacy