Sinner, il retroscena spaventa tutti: ora sono guai grossi

Jannik Sinner è l’uomo del momento, la vittoria in Australia ne ha aumentato il suo appeal ma c’è un aspetto che preoccupa in campo sportivo

Jannik Sinner ha iniziato il 2024 come meglio non si poteva. La vittoria agli Australian Open ha confermato tutto il suo talento, i tifosi sono davvero sempre più curiosi di vederlo nuovamente all’opera.

Retroscena su Jannik Sinner
Sinner sempre più seguito in Italia (ansa foto) – tshot.it

L’Italia del tennis, e non solo, ha trovato un grande idolo in Jannik Sinner. Il tennista è il volto pulito di uno sport che sta nuovamente entusiasmando grazie a battaglie quasi epiche in campo, la rimonta effettuata contro Medvedev ha tenuto gli sportivi incollati ai teleschermi con grande trasporto.

Sinner è stato ricevuto al Quirinale insieme ai suoi compagni di Nazionale per celebrare il trionfo in Coppa Davis, ma sta dando anche una preoccupazione in più nel tennis. C’è un aspetto appena emerso che non può essere assolutamente sottovalutato, né dagli appassionati e nemmeno dagli sfidanti in campo.

Un dettaglio preoccupa: cos’ha fatto Sinner

Il campionissimo è ormai osservato con grande attenzione in ogni sua mossa. Sono emersi i rituali scaramantici e le sue piccole fissazioni, ma anche i dettagli di un colloquio avvenuto proprio domenica scorsa in terra australiana. Ciò preoccupa notevolmente gli avversari e incuriosisce i suoi tanti estimatori: SInner ha chiesto come migliorare al suo allenatore personale.

Sinner c'è un problema
Jannik Sinner determinato come non mai (ansa foto) – tshot.i

La determinazione del 22enne è davvero pazzesca, più che godersi il suo trionfo ha subito cercato uno spunto in più per perfezionarsi e capire come essere maggiormente incisivo. È un aspetto confermato con la massima tranquillità proprio dal tennista, che ha subito messo sotto pressione il suo tecnico, Simone Vagnozzi. Nella conferenza australiana, l’ammissione di Sinner è spiazzante: “Dopo la gara ho già parlato con il mio coach su come si possa migliorare ancora in campo, perché tutto fa parte di questo processo”.

Un aspetto che preoccupa notevolmente i suoi avversari e pone un interrogativo importante: a quale livello d’eccellenza potrà mai arrivare Sinner? Di certo, il suo primo obiettivo è di arrivare al più presto sul podio del ranking Atp, non è una missione impossibile da raggiungere nei prossimi mesi. Jannik Sinner ha dimostrato di poter battere in campo i primi tre al mondo e, proprio contro il numero uno Novak Djokovic, ha sfoderato una prestazione con pochissimi errori. Sinner è il presente e il futuro di questo sport, gli altri suoi colleghi tennisti sanno come sarà difficile fermare un’ascesa così decisa.

Impostazioni privacy