Sorpresa Sinner, è già il numero 1 mondiale

Jannik Sinner come numero uno è una sorpresa inedita per gli appassionati di tennis, c’è un dato particolarmente importante da analizzare.

Il campione italiano sta proseguendo il suo cammino nel torneo di Miami, vuole tornare a vincere dopo aver trionfato agli Open di Australia e agli Atp di Rotterdam. L’analisi tecnica ora spinge Sinner in una posizione inedita.

Sinner nuovo numero uno
Jannik Sinner impegnato al torneo di Miami (Lapresse) – tshot.it

Il cammino di Jannik Sinner dovrà proseguire nel corso del tempo senza indugi, apprendendo anche dalle sconfitte come avvenuto recentemente contro Alcaraz. Il campione altoatesino ha perso dopo ben diciannove vittorie consecutive ed è già al lavoro per limare ogni gap, come sta dimostrando proprio in questi giorni.

Tecnica di base e dinamicità non gli mancano di certo, Sinner sta intensificando la sua qualità in campo proprio per conquistare il torneo di Miami e arrivare tonico agli appuntamenti più attesi dell’anno. Un dato importante conferma come sia il numero uno in una speciale classifica, non ci sono più dubbi.

Sinner supera Djokovic e Alcaraz, i dettagli

La statistica in campo tennistico premia il campione italiano, nell’ultimo anno un’analisi abbastanza sorprendente ha ribaltato le convinzioni che erano maturate sul tennista. Sinner, considerato spesso e volentieri un po’ carente in qualche fondamentale, è invece il tennista che nell’ultimo anno ha realizzato la migliore percentuali di game vinti al servizio.

Sinner supera Djokovic e Alcaraz
Jannik Sinner più incisivo di tutti alla battuta (LaPresse) – tshot.it

La battuta, che era stata considerata in passato come un punto debole, dati alla mano si è trasformata in una spinta inattesa per l’altoatesino. Allenamenti e costanza hanno portato a questo ribaltamento di fronte, i dati forniti dall’Atp confermano l’ascesa di Sinner che può colpire direttamente al servizio in maniera incisiva, trovando così una chiave di lettura importante da sfruttare nel corso dei match.

Sinner ha l’89% di servizi positivi, una percentuale importante maturata nel corso del tempo: il suo colpo è spesso alternato: calibra la potenza al punto giusto e sfrutta gli errori di posizionamento degli avversari. Strappargli la battuta non è facile, se ne è accorto anche Alcaraz, che non è nemmeno sul podio di questa speciale classifica, insieme a Djokovic.

I primi due campioni al mondo del ranking Atp soccombono sui servizi, oltre a Sinner c’è gloria anche per Hubert Hurkacz, che ha raggiunto la percentuale dell’88,9%, quasi a un soffio dal campione italiano. Al terzo posto come maggior battitore abbiamo il greco Stefanos Tsitsipas, con la percentuale dell’87,8% e dei miglioramenti concreti registrati in maniera evidente.

Impostazioni privacy