Wales Open 2013 a Gregory Bourdy

Wales Open 2013 a Gregory Bourdy

Gregory Bourdy ha vinto l’ISPS Handa Wales Open 2013, torneo dell’European Tour giocato sul tracciato del The Celtic Manor Resort (par 71), a Newport in Galles con un totale di 276 colpi (67 72 70 67, -8) proprio in extremis. Infatti tutto si è consumato all’ultima buca. Alla 18, Peter Uihlein (278 – 69 70 67 72, -6) che era in vantaggio alla partenza ha segnato un bogey che è costato la vittoria finale, mentre il francese ha siglato un birdie. Buona prova per il nostro Alessandro Tadini 39° con 288 colpi (70 72 75 71, +4). Scorrendo nella classifica troviamo alla terza piazza con 279 (-5) il danese Soren Kjeldsen, poi in quarta con 281 (-3) l’inglese John Parry e l’olandese Joost Luiten. Male tutti gli altri italiani, usciti al taglio con Lorenzo Gagli, 74° a 147 (76 71, +5), Francesco Molinari, 95° a 150 (73 77) e Matteo Delpodio, 143° a 158 (77 81, +16).

PGA Championship 2013 a Jason Dufner

PGA Championship 2013 a Jason Dufner

Gran bella vittoria di Jason Dufner al PGA Championship 2013 a Oak Hill: l’americano con la faccia un po’ così riesce a conquistare il suo primo major quasi senza sorridere e senza crederci, ma è fatto così e probabilmente ha preferito festeggiare privatamente. A Rochester, Stato di New York, ha completato un ultimo giro solido e concreto dopo un terzo così così e con il terrore di un ennesimo playoff da affrontare dopo quello perso nel 2011. Jim Furyk si è piazzato secondo, rimanendo agganciato al connazionale prima di crollare alla penultima e ultima buca. Bene Francesco Molinari che si è piazzato al 33esimo posto con un +3, mentre Matteo Manassero ha girato in 77 scendendo al 70esimo posto a +12. Male anche Tiger Woods, 40esimo a +4.

Open Championship 2013 a un pazzesco Phil Mickelson

Open Championship 2013 a un pazzesco Phil Mickelson

Uno straordinario Phil Mickelson agguanta il 142° Open Championship 2013 con un finale davvero pazzesco: il mancino californiano è in uno stato di forma senza precedenti e si porta a casa il major con una carta finale in 66 colpi, unico a essere sceso sotto il par. La sua prestazione è stata maiuscola con i quattro giri completati in 281 colpi (69 74 72 66, -3), con l’unico piccolo neo della seconda giornata in negativo (ma non troppo) su un campo difficilissimo, che ha mostrato i professionisti cadere più e più volte in fallo, costretti ad esempio a dichiarare palle ingiocabili, flappe e errori clamorosi.

Scottish Open 2013 al finalmente europeo Mickelson

Scottish Open 2013 al finalmente europeo Mickelson

Finalmente Phil Mickelson ritorna alla vittoria anche in Europa da dove mancava addirittura da 20 anni in occasione di un Challenge a Parigi nel 1993. Trionfa in modo autorevole allo Scottish Open 2013 battendo l’ostico sudafricano Branden Grace allo spareggio. Sui Links, il californiano mancino ha subito la rimonta del giovane rivale, ma lo ha giustiziato ai playoff, come spesso accade. Buon 17° posto per Lorenzo Gagli (279 – 67 67 70 75, -9), migliore degli italiani davanti a Matteo Delpodio, 38° con 282 (67 73 69 73, -6) mentre hanno deluso i due italiani più attesi come Francesco Molinari, sceso dal 23° al 42° posto con 283 (69 66 72 76, -5), e Matteo Manassero, da 42° a 57° con 285 (69 70 70 76, -3) a causa di un ultimo giro davvero molto brutto per entrambi in 76 colpi.

Irish Open 2013 a Paul Casey

Irish Open 2013 a Paul Casey

Si aspettava un giocatore irlandese e invece ha vinto un britannico: l’Irish Open 2013 va a Paul Casey che ritorna alla vittoria sull’European Tour nel torneo giocato sul percorso del Carton House Golf Club (par 72), a Maynooth appunto in Irlanda. Il migliore italiano è stato Francesco Molinari che però ha perso troppo terreno durante la terza giornata e non è andato oltre il 32° posto con 286 colpi (73 67 76 70, -2), recuperando ben 24 posizioni solo nelle ultime 18 buche. Per Casey è il 12esimo titolo in carriera nel massimo circuito continentale in una carriera arricchita anche dello Houston Open 2009 del PGA Tour. Scopriamo di più.

US Open 2013 a Justin Rose, secondo Mickelson

US Open 2013 a Justin Rose, secondo Mickelson

Il britannico Justin Rose vince l’U.S. Open Trophy 2013 con una grande battaglia finale con il secondo classificato ossia Phil Mickelson (in compagnia di Jason Day) che era in testa al penultimo giro, ma poi ha dovuto alzare bandiera bianca terminando con due colpi di distacco. Rose è il primo inglese a prendersi il trofeo americano da 43 anni a questa parte e per riuscirci si è dovuto superare con almeno tre colpi spettacolari come l’approccio per il par alla buca 18 del difficilissimo percorso del Merion che ha concesso a Justin un par nel giro finale e il successo più importante della propria carriera. Male gli italiani, McIlroy e Tiger Woods.

Seventyone Golf Cup a San Domenico Golf

Seventyone Golf Cup a San Domenico Golf

Appuntamento al San Domenico Golf (Masseria San Domenico, Puglia) per la Seventyone Golf Cup che si terrà in una tre giorni da venerdì 7 a domenica 9 giugno prossimo (2013). Sarà una gara interessante e intrigante, aperta a tutti gli appassionati e amatori che offrirà una formula di gioco differente per ogni giornata, con un punteggio finale che determinerà la classifica definitiva. La vittoria del trofeo spetterà così al team che otterrà il migliore risultato sul punteggio netto seguendo appunto la somma degli score di ogni giorno per il computo finale. Scopriamo di più su questo torneo che si giocherà al San Domenico, una struttura molto prestigiosa.

Tiger Woods si prende il The Players 2013

Tiger Woods si prende il The Players 2013

Tiger Woods non si ferma più e vince anche il The Players Championship 2013 con un conteggio totale di 275 colpi (67 67 71 70, -13) portandosi a casa il lauto assegno di uno dei più ricchi tornei del PGA Tour che si è giocato sul campo del TPC Sawgrass (par 72), a Ponte Vedra Beach in Florida. A due colpi si sono piazzati Kevin Streelman, Jeff Maggert e lo svedese David Lingmerth (277, -11), poi al quinto posto con un ritardo di tre colpi e un totale di 278 (-10) Ryan Palmer, lo scozzese Martin Laird e lo svedese Henrik Stenson. Ottava piazza per il nordirlandese Rory McIlroy, insieme all’inglese Lee Westwood e allo spagnolo Sergio Garcia, che ha perso tutto nel finale dopo essere stato in testa fino alle ultime due buche.

Ballantine’s Championship 2013 a Brett Rumford

Ballantine’s Championship 2013 a Brett Rumford

Emozionante finale del Ballantine’s Championship 2013 giocato a Incheon in Corea del Sud: il torneo co-organizzato da European Tour e Asian Tour ha visto infatti uno spareggio a tre con vittoria finale per l’australiano Brett Rumford che ha concluso la protva a -11, stesso risultato di Marcus Fraser e dello scozzese Peter Whiteford (che si è fatto rimontare proprio nell’ultimo giro). Per fortuna questa settimana è bastata una sola buca, con un grande eagle di Brett, mentre settimana scorsa Jacquelin ha dovuto faticare ben di più per mettere le mani sul trofeo. Migliore italiano un buon Matteo Delpodio al 40esimo posto.

Raphael Jaquelin si prende l’Open di Spagna 2013

Raphael Jaquelin si prende l’Open di Spagna 2013

Il francese Raphael Jaquelin ha trionfato in Spagna all’Open de Espana 2013, torneo dell’European Tour 2013 giocato sul campo del Parador El Saler di Valencia, un par 72 che ha visto giornate di buon tempo mentre nel resto d’Europa si battevano i denti per la bassa pressione. La vittoria del francese non è stata priva di colpi di scena visto che è arrivata dopo un playoff a tre con il cileno Felipe Aguilar e con il tedesco Maximilian Kieffer e si è prolungata per ben nove buche supplementari prima di decretare il vincitore. Per quanto riguarda gli italiani, si segnala un ottimo ottavo posto di Matteo Delpodio, il sedicesimo di Matteo Manassero e il 27esimo di Edoardo Molinari.

Augusta Masters 2013 a Adam Scott: Cabrera battuto al playoff

Augusta Masters 2013 a Adam Scott: Cabrera battuto al playoff

Adam Scott trionfa nell’Augusta Masters 2013 diventando il primo australiano a riuscire nell’impresa. Con un fantastico putt da 4 metri ha sconfitto Angel Cabrera alla seconda buca di spareggio, è stato un momento molto particolare quello dell’ultimo putt visto che Scott non si è certo vergognato di chiedere aiuto al caddie Steve Williams (l’ex di Tiger Woods, per intenderci) per leggere le pendenze. D’altra parte era un putt complicato e delicato non solo perché decisivo per la vittoria nel major, ma anche perché le numerose ombre rendevano pressoché impossibile decifrare il giusto percorso da impostare alla pallina verso la buca. Williams ha corretto la direzione proposta da Scott e… il resto è storia.

Tiger Woods, la giornata-allenamento tipo

Tiger Woods, la giornata-allenamento tipo

La giornata tipo in allenamento di Tiger Woods dura 12 ore. Dalla sveglia presto la mattina alla sera passata ovviamente a riposarsi per affrontare poi il successivo giorno alla grande. Il numero uno al mondo – finalmente riappropriatosi di uno scettro che per troppo tempo gli era sfuggito – si alza alle sei e mezza e prima di fare colazione si mette già al lavoro. Un’ora di attività aerobica per bruciare, a scelta tra corsa di resistenza, corsa a scatti oppure bicicletta. Alle sette e trenta è l’ora della prima sessione di sollevamento pesi al 60-70 per cento delle possibilità, dunque senza forzare esageratamente, con ripetute ad alta velocità e diversi esercizi e varianti. Finalmente, alle 8.30 c’è tempo per la colazione che sarà a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto proteico. Una frittatina non manca mai.

Bubba Watson e il suo hovercraft-golf cart [VIDEO]

Bubba Watson e il suo hovercraft-golf cart [VIDEO]

Bubba Watson non viaggerà più a bordo di una golf cart per spostarsi durante gli allenamenti, ma slitterà a tutta velocità a bordo di un fantastico hovercraft BW1 opportunamente adattato per il campo da golf. Supererà ostacoli d’acqua, fairways, rough senza rovinare il prato e a grande velocità grazie al cuscinetto d’aria che si crea sotto lo speciale mezzo per tutti i terreni. Qui sopra il divertente video realizzato dalla Oakley ossia da uno degli sponsor di Bubba, fautori del progetto. A proposito di mezzi di locomozione particolari, date un’occhiata alla storia che vi attende dopo il salto.

Trophée Hassan II 2013 a Siem, 15° Francesco Molinari

Trophée Hassan II 2013 a Siem, 15° Francesco Molinari

L’European Tour 2013 fa tappa in Marocco e il tedesco Marcel Siem (271 – 64 68 69 70, -17) trionfa al Trophée Hassan II che si è giocato sul percorso del Golf du Palais Royal (par 72), ad Agadir. Quindicesima posizione per Francesco Molinari miglior italiano, poi 24esimo Lorenzo Gagli, 49esimo Alessandro Tadini, 52esimo Matteo Delpodio e solo 64esimo Edoardo Molinari che era giunto secondo settimana scorsa. Fuori al taglio Marco Crespi. Negli States il PGA Tour ha visto il trionfo di D.A. Points in Texas. Andiamo con ordine e scopriamo i risultati dei principali tornei golfistici dello scorso fine settimana.

Aphibarnrat trionfa in Malesia, E. Molinari secondo

Aphibarnrat trionfa in Malesia, E. Molinari secondo

Il Maybank Malaysian Open 2013 va nelle pacioccose e tuttavia potenti e precisissime mani del nuovo talento che viene da oriente. Il thailandese Kiradech Aphibarnrat conquista il primo titolo dell’European Tour della propria carriera, dopo averlo sfiorato settimana scorsa con il quarto posto in India all’Avantha Masters. L’abbondante bombardiere con gli occhi a mandorla e la pelle ambrata ha preceduto per un solo colpo il nostro Edoardo Molinari che è stato protagonista di una grande rimonta piazzandosi finalmente nelle posizioni che contano e che gli spettano. Bella prova anche per Matteo Manassero che ha concluso al 17esimo posto, mentre è uscito al taglio Lorenzo Gagli. La gara si è giocata sulla distanza delle tre giornate per maltempo.

Sondaggio del giorno
Qual è il tuo handicap?